È online il nuovo sito di “Let’s Pet”, la prima startup made in Cuneo dedicata agli animali

alberto-dellerba-alberto-begliardo-vittorio-fancello

Mentre è partito il bando della 4ª generazione del BamLab, acceleratore di startup sostenuto dalla Banca Alpi Marittime, si è conclusa quella precedente – la 3ª generazione – con ottimi risultati in tema di proposte di startup. Una in particolare sta ottenendo ottimi apprezzamenti: “Let’s Pet”, la prima startup della provincia di Cuneo e l’unica in Piemonte dedicata agli animali! Il nuovo sito è nato dalla volontà di tre giovani, Alberto Dellerba – CEO di Let’s Pet, Alberto Begliardo – CTO e Vittorio Fancello – COO & UX Designer, di creare una rete sul territorio in modo innovativo, coinvolgendo allevatori, associazioni, enti e privati, per aiutare tanti piccoli amici con la coda a trovare la loro famiglia. La piattaforma, attraverso un’interfaccia semplice e intuitiva, consente a chiunque di creare annunci gratuitamente e di cercare un cucciolo nella propria zona. In ogni momento, inoltre, è possibile contare sull’assistenza del team, grazie al servizio di live chat.

«Siamo partiti dalla nostra passione per gli animali e da una delle domande che si pone chi vuole adottare un animale.  – Dichiara Alberto Dellerba CEO di Let’s Pet – Ovvero usare un modo facile e sicuro per trovare un cucciolo. Da un’analisi del mercato, abbiamo rilevato da un lato una difficoltà da parte delle famiglie a collocare o ricollocare il proprio animale, dall’altra un’eccessiva e dispersiva quantità di informazioni. Da qui l’idea di creare una piattaforma smart dedicata agli animali». Su Let’s Pet, si possono già trovare tanti cuccioli, come Astro, Paco, Nek, Ariel, ognuno con la sua storia, ma con lo stesso sogno di trovare una casa e un padrone con cui condividere nuove avventure. La startup è molto attiva anche sui social, in particolare su Facebook (@letspet.it) e Instagram(@letspet.it).

«È un inizio e siamo contenti di vedere che la piattaforma stia riscontrando un buon interesse da parte di allevatori e privati. – Conclude Dellerba – Il nostro obiettivo ora è continuare a crescere: vorremmo arrivare ad avere 30mila annunci attivi in tre anni». «Il risultato conseguito dai tre giovani –  commenta Carlo Ramondetti, Direttore generale della Banca Alpi Marittime – conferma come l’impegno profuso nel sostenere i laboratori del “BamLab”, sia ben riposto.  Un impegno volto a far sì che le idee che nascono in tale contesto, possano trasformarsi in impresa, facendo crescere il territorio tenendo giovani e lavoro. Ricordiamo che chiunque abbia un’idea di startup da realizzare, potrà seguire il percorso di Let’s Pet, partecipando alla 4^ generazione del BamLab www.bamlab.it». Aggiunge Gianni Cappa, Presidente della Banca Alpi Marittime: «Con il BamLab, continuiamo a sostenere i giovani, dando loro quelle opportunità che possono fare la differenza. Con la soddisfazione di tutto il Consiglio di Amministrazione quando ne derivano risultati concreti».

Commenti

 

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE