Home / Sport /

Francesco Curinga fermato da una scivolata alla 200 Miglia Endurance GP del Mugello

Dopo il terzo tempo ottenuto in prova ed aver rimontato sino alla seconda posizione in gara, la caduta

Scarperia (FI). Il primo weekend di novembre ha visto scendere in gara, sul Circuito Internazionale del Mugello, un bel numero di conduttori, impegnati nella 200 Miglia di Endurance GP, dove correvano insieme sia le 1000, che la 600, alla quale ha preso parte anche il pilota badalucchese del Bemar Racing Team Francesco Curinga, in coppia con Andrea Tomio.
Nelle prove ufficiali Curinga-Tomio, in sella alla Honda CBR 600 RR della Bianco Moto di Cuneo, riescono a qualificarsi in prima fila con il terzo tempo, accingendosi a prendere il via della gara, ridotta da ventitre a sedici giri, a causa di un furioso acquazzone.
Nel primo turno prende il via Andrea Tomio, che riesce a condurre la Honda in settima posizione, nonostante alcuni problemi di gomme. Al cambio pilota, sale in sella alla Honda Bianco Moto Francesco Curinga che, con un ritmo forsennato, nonostante la forte pioggia, risale sino alla seconda posizione di calsse ma, a soli quattro giri dal termine viene tradito dall’anteriore alla curva Biondetti 13, rotolando nella ghiaia, mentre la moto continua la sua corsa sino a fermarsi contro le barriere situate davanti ai box.

Così era ridotta la Honda 600 CBR RR di Curinga

Così era ridotta la Honda 600 CBR RR di Curinga

Per fortuna nessun danno per Curinga, salvo qualche ammaccatura, ma sfuma il podio, che era sicuramente alla sua portata. La gara della 600 è stata vinta da Giovanni Altomonte – Marco Lavatelli, che hanno preceduto Lorenzo Desci – Yuri Noli e Nicholas Arduini – Lorenzo Campodonico.
“Sono deluso non tanto per la gara, quanto per il risultato – ha riferito Francesco Curinga -. Dopo aver dato il cambio al mio compagno Andrea Tomio, ho trovato una buona confidenza con la moto e con le Bridgestone, che mi hanno permesso di risalire sino alla seconda piazza, poi l’asfalto bagnato mi ha tradito alla Biondetti, facendomi perdere l’anteriore, per cui sono scivolato nella ghiaia. Mi sono subito rialzato e sono corso verso la moto, che aveva i manubri storti, ma lamentavo dolore e mancanza di sensibilità ad una mano, per cui ho scelto, mio malgrado, di ritirarmi. Peccato, poteva uscire un buon risultato, anche per ringraziare chi mi ha supportato in questa stagione: Bianco Moto Cuneo, Honda, HRC, Fujiauto, Gastaldi Rudi Impresa Edile, Fortec, Vernicenter e tutti i miei Sponsor personali”.
Nell’ultima gara del Trofeo Motoestate, disputata a Varano de’ Melegari nel mese di ottobre Francesco Curinga era partito male, tentando il recupero, ma due piloti che lo precedevano gli sono caduti davanti, facendogli perdere terreno. Il conduttore del Bemar Racing Team Cuneo ha chiuso pertanto la gara in sesta posizione, mantenendo però la seconda piazza nel Trofeo della Classe 600 Supersport, alle spalle di Daniele Corradi.
Dario Malabocchia

 

Commenti

 

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE