Bando Interventi Faro: 12 progetti approdano alla seconda fase

Fondazione-cassa-di-risparmio-2

Il CdA della Fondazione CRC ha selezionato i 12 progetti, 4 per ognuna delle aree di tradizionale intervento (albese, cuneese e monregalese), che accedono alla seconda fase del bando Interventi Faro.

Area albese (in ordine alfabetico per ente richiedente):

– Comune di Diano d’Alba per l’iniziativa “Langa del sole – Spianamento San Sebastian di Diano d’Alba: restauro e valorizzazione nel sistema turistico e ciclo-turistico di Alta Langa”;

– Comune di Govone per l’iniziativa “Le cantine reali del castello di Govone e i borghi del vino” ;

– Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero per l’iniziativa “Cycling in Langhe Roero countryside”;

– Fondazione Nuovo Ospedale Alba-Bra Onlus per l’iniziativa “Miriamo dritti al cancro – la radioterapia nel nuovo ospedale a Verduno”.

Area cuneese (in ordine alfabetico per ente richiedente):

– Comune di Boves per l’iniziativa “L.e.d (legno edilizia design) – polo formativo”;

– Comune di Caraglio per l’iniziativa “Acqua viva”;

– Comune di Cuneo per l’iniziativa “Fondamenti – laboratorio di innovazione culturale: rigenerazione sostenibile dell’edificio ex frigoriferi militari a cuneo”;

– Comune di Limone Piemonte a sostegno del progetto di “Recupero dell’ex palaghiaccio di Limone Piemonte: un progetto pilota riqualificare il territorio”.

Area monregalese (in ordine alfabetico per ente richiedente):

– Comune di Dogliani per l’iniziativa “Campus dell’arte e della cultura”;

– Comune di Mondovì a sostegno del progetto “Polo culturale – centro rete del sistema bibliotecario del monregalese”;

– Unione Montana Alta Val Tanaro per il progetto “E-byke natural outdoor park skyline”;

– Unione Montana Mondolè per l’iniziativa di “Potenziamento dell’offerta turistica del comprensorio Mondolè: realizzazione innevamento programmato totale”.

La Fondazione ha previsto di sostenere la progettazione di dettaglio, che i proponenti selezionati saranno chiamati a presentare entro il 31 ottobre prossimo, con un contributo di 5000 euro ciascuno. Alla scadenza del bando, lo scorso 31 marzo, erano state presentate dagli enti del territorio 36 richieste ammissibili. Il bando prevede di sostenere con 2 milioni di euro (500 mila euro all’anno per 4 anni) ognuno dei 3 progetti che verranno finanziati: la delibera definitiva è prevista nel mese di novembre. “Il bando ha raggiunto un primo importante obiettivo: quello di stimolare la progettazione di nuove iniziative a beneficio del territorio” afferma Giandomenico Genta, presidente della Fondazione CRC. “La scelta dei progetti da ammettere alla seconda fase è stata impegnativa per la qualità, la varietà e l’ampiezza delle proposte pervenute. La Fondazione ha deciso di sostenere inoltre con un piccolo contributo la fase di progettazione avanzata che i richiedenti dovranno affrontare: ci auguriamo infatti che, al di là della scelta finale, lo sviluppo di queste iniziative possa avere un impatto significativo sui territori coinvolti”.

Commenti

 

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE