Dalla Regione Piemonte 15 milioni per le stazioni sciistiche della Sezione Turismo di Confindustria Cuneo aderenti a “Cuneo Neve”

Un momento dell'incontro la le stazioni sciistiche di Confindustria Cuneo e la Regione Piemonte svoltosi in Provincia a Cuneo

Un momento dell’incontro tra le stazioni sciistiche di Confindustria Cuneo e la Regione Piemonte svoltosi in Provincia a Cuneo

Le 14 stazioni sciistiche aderenti alla Sezione Turismo di Confindustria Cuneo, raggruppate sotto il marchio “Cuneo Neve”, prendono posizione dopo l’incontro svoltosi oggi, mercoledì 19 luglio, in Provincia a Cuneo, sul tema “Proposta di interventi di potenziamento dell’offerta turistica nei comprensori sciistici della provincia di Cuneo”. All’incontro hanno preso parte, tra gli altri, il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, il vice presidente Aldo Reschigna, l’assessore regionale Alberto Valmaggia e il presidente della Provincia di Cuneo Federico Borgna.
“Dopo l’incontro di oggi – spiegano – ci sono i presupposti per essere moderatamente soddisfatti, innanzitutto perché la Regione Piemonte ha riconosciuto il fatto che finora la provincia di Cuneo è stata messa un po’ da parte. Certo, la cifra complessiva è lontana da quella richiesta, in quanto i 15 milioni pattuiti rappresentano circa il 40 per cento del progetto originario. Tuttavia, ci sono alcuni aspetti positivi importanti da sottolineare, come la possibilità di raggruppare tutto il contributo su un unico anno, senza contare che l’impegno della Regione a farsi carico degli interessi e a costruire un fondo di garanzia di 3 milioni di euro, rappresentano una boccata d’ossigeno per le stazioni sciistiche cuneesi, che in questo modo dovranno investire solamente il capitale. Soddisfazione è stata espressa anche da parte delle microstazioni, che si sono sentite trattate con un occhio di riguardo. Sarà comunque fondamentale l’avvio dell’attuazione del piano a settembre, quando la Regione dovrà dare compimento al percorso individuato”.
“Vorrei precisare che non c’è mai stata da parte della Regione alcuna volontà discriminatoria su base politica o territoriale, come invece qualcuno ha ipotizzato – ha sottolineato da parte sua il presidente della regione Sergio Chiamparino – Il problema che stiamo affrontando é reale, anche perché in Piemonte il settore é molto diversificato, con realtà come le montagne olimpiche che godono di una legislazione speciale, e altre come il Monterosa Ski che godono di di sostegni strutturali da parte del sistema finanziario piemontese. Grazie all’impegno della nostra Giunta abbiamo potuto reperire nel nostro bilancio alcuni fondi liberi da progetti e vincoli, da destinare alle realtà del sistema neve che devono seguire un percorso ordinario. É il più grosso investimento nel sistema neve fatto dalla Regione da alcuni anni a questa parte”.
Il piano della Regione comprende circa 23 milioni di euro per l’intero sistema neve, 3 sono già iscritti a bilancio, gli altri sono stati accorpati in un fondo di Finpiemonte, e sono risorse già disponibili. Circa 15 milioni sono riservati al sistema neve cuneese come contributi in conto capitale, altri 3 costituiranno un fondo di garanzia per abbattere l’onerosità degli interessi passivi per l’intero comparto regionale.
“La nostra proposta – ha aggiunto il vicepresidente della Regione Aldo Reschigna – é che a partire da settembre si promuova un tavolo con la regia della Provincia di Cuneo e la partecipazione della direzione regionale turismo, Finpiemonte e i rappresentanti del sistema neve cuneese. Servirà a definire singoli accordi di programma per la destinazione delle risorse con la compartecipazione del pubblico (almeno 10%) o del privato (almeno 20%). Il nostro obiettivo é un progetto strategico per il rilancio del turismo montano cuneese”.
“Con questo accordo la Regione Piemonte mette la montagna al centro delle sue politiche strategiche – ha continuato l’assessore regionale Alberto Valmaggia – grazie a un importante programma di sviluppo finanziato con risorse immediate, prevedendo interventi cantierabili grazie a quote di cofinanziamento sostenibili. Un risultato che premia il lavoro messo in campo negli ultimi mesi dal tavolo tecnico interistituzionale”.
Quello di oggi – ha concluso il presidente della Provincia, Federico Borgna – è un grandissimo risultato per il sistema neve Cuneo. E’ la prima volta che gli operatori degli impianti sciistici della Granda lavorano insieme e sono sicuro che i risultati non mancheranno, come abbiamo visto anche oggi. La Provincia di Cuneo ha avuto un ruolo di coordinamento direi davvero importante ed oggi arriviamo a chiudere il cerchio di un percorso iniziato tempo fa con tutte le stazioni sciistiche. Proseguiamo quindi su questa linea di forte collaborazione tra Regione Piemonte e Provincia di Cuneo che sta portando frutti concreti”.

Commenti

 

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE