Acqua Eva: grandi investimenti per continuare la crescita

schermata-2017-07-12-alle-09-28-47

Acqua Eva chiude il primo semestre 2017 con una crescita che va oltre le più rosee aspettative. Spinta anche dall’ottimo inizio della stagione calda, Fonti Alta Valle Po S.p.A. ha oltrepassato gli 80 milioni di bottiglie vendute, una crescita del 33% rispetto al primo semestre dello scorso anno che, se mantenuta, ci porterebbe a chiudere l’anno con una produzione record di oltre 160 milioni di bottiglie.

Sulla spinta di questo grande risultato abbiamo deciso di annunciare la nascita di tre nuovi e importanti progetti, alcuni già delineati, altri che si definiranno nei prossimi mesi: il lancio del brand “2K42”, l’ampliamento della nostra gamma con l’aggiunta di una linea vetro e la costruzione di un magazzino automatizzato a supporto della costante crescita dell’azienda. Fonti Alta Valle Po S.p.A. fin dalla sua nascita ha sempre guardato con interesse a mercati esteri strategici come Stati Uniti, Giappone, Medio Oriente e Cina, per conquistarli è necessario un brand giovane ed elegante, ma che allo stesso tempo riconduca al punto di forza dei nostri prodotti, la purezza incontaminata della nostra acqua, dovuta alla straordinaria altezza delle nostre sorgenti. Nasce così “2K42”, chiaro riferimento all’altitudine della sorgente Rocce Azzurre che, con i suoi 2.042 metri, è la più alta d’Europa. La K non è altro che il simbolo grafico utilizzato, soprattutto nel mondo anglosassone, per sintetizzare le migliaia.

Negli ultimi tre anni è risultato chiaro che per affrontare i ricchi mercati esteri sia indispensabile completare la nostra gamma prodotti con una linea vetro, imprescindibile per rispondere alle richieste della ristorazione e degli hotel oltreoceano, sempre più alla ricerca di prodotti di qualità da proporre ai propri esigenti clienti. È stata così deciso un importante investimento la una nuova linea di imbottigliamento vetro. Ad affiancarci due partner esclusivi, la Gai S.p.A., leader mondiale nella produzione di macchine imbottigliatrici, e Mas Pack Packaging S.p.A., punto di riferimento per gli impianti di confezionamento. L’Amministratore Delegato di Fonti Alta Valle Po S.p.A. Gualtiero Rivoira spiega: “Perché cercare in giro per il mondo un fornitore di impianti quando vicino a casa nostra, proprio in provincia di Cuneo, abbiamoi migliori del mondo, che lavorano con le maggiori aziende del settore beverage?! Se sono così bravi con il Barolo e lo Champagne lo saranno anche con la nostra acqua! La Gai S.p.A. e la Mas Pack hanno appoggiato il nostro innovativo progetto e proprio in questi giorni è iniziato l’allestimento della linea, che si concluderà nei primi giorni di agosto. Pensiamo di poter spedire le prime bottiglie entro settembre. È una linea di imbottigliamento estremamente innovativa” continua Rivoira “in grado di produrre 12.000 bottiglie ora, ma allo stesso tempo capace di passare da un formato ad un altro in pochi minuti, il tutto in modo completamente automatico. Una vera rivoluzione! È una linea dedicata esclusivamente al vuoto a perdere, che è quello che ci richiedono all’estero. Il mercato italiano, dominato dal vuoto a rendere, rappresenterà per noi un’altra considerevole sfida.”

Per sostenere questo progetto avevamo però bisogno di una bottiglia di design che potesse essere unica ed esclusiva. Unica come unico ed iconico è il Monviso che da sempre ci rappresenta. E quindi perché non renderlo il protagonista della nostra bottiglia, inserendolo nella sua piqûre?! Nasce così una bottiglia rivoluzionaria, originale per stile e tecnologia. I primi riscontri raccolti durante la sua presentazione dello scorso giugno alla fiera Fancy Food di New York sono stati davvero entusiasmanti, sia da parte dei semplici visitatori, ma ancora di più da parte degli addetti ai lavori. Siamo convinti che le qualità uniche della nostra acqua, unite ad un design così innovativo ed elegante, saranno un connubio vincente.

Ma le novità non finiscono certo qui. Per sostenere la crescita generale dell’azienda sono iniziati i lavori per l’ampiamento dello stabilimento di Paesana che si concluderanno il prossimo giugno. Si tratta di un magazzino completamente automatizzato, dotato di ben cinque traslo-elevatori in grado di gestire in piena autonomia ben 6.000 pedane sia di prodotto finito, sia di materie prime. I bancali verranno quindi movimentati automaticamente dalla zona di produzione a quella di stoccaggio e successivamente a quella di carico. Rivoira conclude: ”Anche sul fronte della logistica prosegue la voglia di innovazione: saremo una fra le prime aziende nel mondo Acque Minerali ad adottare questo tipo di magazzino. Questo nuovo modo di approcciare la fase di stoccaggio e spedizione ci permetterà di continuare a mantenere questi ritmi di crescita in modo sostenibile nel futuro.”

Commenti

 

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE