Pallapugno: decisioni del Consiglio federale per la serie A del 2016

Il campionato di serie A del 2016 tornerà a essere formato da dodici squadre. È questa la decisione presa dal Consiglio federale della Fipap, riunitosi nella serata del 14 settembre per esaminare, tra le altre cose, tutti i provvedimenti per la prossima stagione pallonistica.

pallapugno01

  1. Ripescaggi: la Segreteria della Fipap pubblicherà a breve un bando per il ripescaggio di due squadre, necessarie per arrivare a dodici. Il primo criterio adottato sarà “territoriale–regionale”, il secondo sarà il sorteggio.
  2. La formula del campionato: il campionato di serie A sarà suddiviso in due gironi e da sei formazioni, sulla base delle “teste di serie”. Entrambi i raggruppamenti faranno gare di andata e ritorno (10 giornate) e le prime tre classificate di ogni girone accederanno ai play–off, mentre le altre, dal quarto al sesto posto, formeranno i play–out. I play–off e i play–out si svolgeranno come nel campionato di quest’anno, così come gli abbinamenti degli spareggi: le prime tre accederanno direttamente in semifinale, mentre la quarta si deciderà dagli spareggi. Alla fine della prima fase i punti saranno azzerati, con l’assegnazione di tre punti alla prima classificata di ogni girone, due alla seconda e un punto alla terza, sia per i play–off, sia per i play–out, dove la vittoria varrà due punti. Le retrocessioni saranno due.
  3. Coppa Italia: sarà definita una nuova formula con quattro gironi da tre squadre.
  4. Montepunti: per la stagione 2016 il “montepunti” per la serie A è stato determinato nella misura di 1.282 punti (quest’anno era 1.140). Dalla sommatoria del “montepunti” sono esclusi i giocatori under 23 (nati dal 1° gennaio 1993) con punteggio, riferito alla sola stagione 2015 e indipendente quindi dal punteggio complessivo del singolo atleta, pari o inferiore a 89.
  5. Limitazioni per la formazione delle squadre: una squadra avente in distinta gara un giocatore con 850 o più punti non potrà schierare:
    a) atleti che, avendo svolto nella stagione precedente il ruolo prevalente di centrale, abbiano punteggio superiore a 199 punti;
    b) atleti che, avendo svolto nella stagione precedente il ruolo prevalente di terzino, abbiano punteggio superiore a 90 punti.
  6. Malus vittoria per due anni consecutivi del medesimo campionato: dal 2016 sarà abolito il malus a carico di giocatori che abbiano vinto il medesimo campionato per due stagioni consecutive.
  7. Metri di battuta.
    a) Una squadra avente in distinta gara un giocatore con 850 o più punti concederà: due metri di vantaggio alle squadre aventi in distinta gara uno dei battitori che nella stagione 2015 ha disputato i play–off di serie A; tre metri di vantaggio alle squadre non aventi in distinta gara uno dei battitori che nella stagione 2015 ha disputato i play–offdi serie A.

    b) Una squadra avente in distinta gara uno dei battitori che nella stagione 2015 ha disputato i play–off di serie A concede: un metro di vantaggio alle squadre non aventi in distinta gara uno dei battitori che nella stagione 2015 ha disputato i play–off di serie A.

    Le squadre con uguali requisiti svolgeranno l’azione di battuta dai sei metri. Questa norma sarà in vigore per gli incontri della prima e della seconda fase del campionato e della Coppa Italia e non sarà applicata dagli spareggi di qualificazione alle semifinali, così come per le semifinali e le finali di campionato e di Coppa Italia.

Commenti

 

Tags

,

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE