Controlli a Mondovì e Ceva: arrestato nomade e denunciati 2 italiani

Nel corso di questo fine settimana, personale di questa Compagnia impegnato nei controlli preventivi finalizzati al contrasto del fenomeno dei furti nelle abitazioni di Mondovì e nella Val Tanaro, servizi operati di concerto con il Comando Provinciale Carabinieri di Cuneo, eseguiva un arresto e due denunce in stato di libertà a carico di altrettanti soggetti, gravati da numerosi pregiudizi di polizia specifici, resisi responsabili di furti aggravati nella zona.

In particolare:

  • i militari della Stazione di Mondovì traevano in arresto C.A., 39enne sinti residente nel monregalese, su mandato della A.G. per un cumulo pene derivante da vari furti in abitazioni, ditte ed alcune ricettazioni, reati commessi nell’ultimo quadriennio nella Granda, condanne derivanti da pregresse attività investigative condotte dagli stessi militari e da quelli del dipendente Nucleo Operativo;
  • i militari della Stazione di Ceva deferivano in stato di libertà due giovani torinesi, il 27enne A.T. e la 31enne V.B. In esito agli accertamenti svolti, i due venivano individuati come responsabili dei furti di due auto – combinazione due Fiat Panda – rubate nella nottata fra il 2 ed il 3 gennaio uu.ss. una in Ceva e l’altra in Ormea. I due, nel corso della citata nottata, dall’abitazione di uno slavo residente da tempo a Ceva si impossessavano di alcuni effetti personali nonché della sua auto. Giunti a Ormea, si liberavano del mezzo, poiché ricercato, e si impossessavano dell’altro, che dopo una fuga abbandonavano incidentato in Sanremo (IM). I beni venivano rinvenuti e restituiti ai legittimi proprietari.

L’arrestato veniva associato presso la locale Casa Circondariale.

Commenti

 

Tags

, , , , , ,

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE