Confagricoltura: il commento di Forno dopo l’incontro con Chiamparino

«Bene l’annuncio di progetti e di linee di condotta in tema rurale da parte della Regione Piemonte. Noi, però, siamo agricoltori abituati a stare con i piedi per terra e verificheremo che gli impegni siano rispettati e realizzati». Massimo Forno, imprenditore agricolo e presidente di Confagricoltura Asti, non fa sconti e commenta così l’incontro, avvenuto qualche giorno fa, tra il Governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, e le associazioni di categoria astigiane. Con Chiamparino c’era anche l’assessore regionale all’Agricoltura, l’astigiano, Giorgio Ferrero.

Riferisce Forno: «Alla base del discorso del presidente Chiamparino c’è il concetto, già espresso in campagna elettorale, di far diventare il Piemonte la Borgogna d’Italia. Bene. Un’idea suggestiva che sposiamo in pieno. Realizzarla, tuttavia, sarà un altro paio di maniche. Ci sono tante mentalità superate da mettere da parte, ci sono da creare sinergie non facili tra territori che non sono abituati a lavorare insieme. Fare squadra è il “mantra” che sentiamo recitare da anni, ma che nei fatti il Piemonte è ancora lontano da realizzare appieno e in tutte le sue filiere produttive, a cominciare da quelle agricole».

Quanto all’ipotesi di Chiamparino di esplorare la possibilità di realizzare in Piemonte un appuntamento enologico sul modello di Vinitaly, il presidente di Confagricoltura invita alla cautela ricordando le passate esperienze non proprio positive. «L’idea è ottima, ma va valutata in tutti gli aspetti» ha detto Forno che a Chiamparino e Ferrero ha ricordato la richiesta di Confagricoltura di reperire nuove risorse attraverso la razionalizzazione di enti ed istituti costosi e inefficienti. «L’assessore Ferrero – dice Forno – ha risposto che l’Arpea, l’agenzia regionale piemontese per le erogazioni in Agricoltura, sarà riformata e per il Cosman, il consorzio per lo smaltimento delle carcasse di origine animale, si andrà alla chiusura. Se le cose staranno così non possiamo che essere soddisfatti – annota il presidente di Confagricoltura che aggiunge -. L’ho detto al presidente Chiamparino e all’assessore Ferrero: Confagricoltura Asti plaude ai progetti che questa giunta regionale porta avanti per il rilancio dell’agricoltura e della viticoltura. Tuttavia ci siamo fatti un nodo al fazzoletto e chiederemo conto degli impegni presi».

Commenti

 

Tags

, , , , ,

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE